VISITA DEL PROGETTO ALPI FILM LAB

pubblicato 05.11.2021

Verso uno spazio cinematografico nel cuore delle Alpi

In occasione del Comitato di sorveglianza del 21 ottobre ad Annecy è stata organizzata una visita sul campo a Bonlieu Scène Nationale, partner del progetto Alpi Film Lab.

Alpi Film Lab è un progetto di formazione avanzata per produttori emergenti francesi e italiani che desiderano sviluppare un progetto di lungometraggio (fiction, documentario e animazione) con un potenziale di coproduzione transfrontaliera.

Questo progetto è stato finanziato con un importo di 677.917,50 euro dal FESR (Fondo europeo di sviluppo regionale) nell'ambito del terzo bando ALCOTRA per progetti singoli nell'ambito dell'obiettivo specifico 4.2 "Aumentare l'offerta di istruzione e formazione transfrontaliera e le competenze professionali".

Nella meravigliosa cornice di questo teatro, integrato in un edificio progettato dall'architetto Maurice Novarina (1907 - 2002) nel cuore della città di Annecy, sulle rive del lago, Sarah Quintric, responsabile del coordinamento di Annecy Cinéma, ha accolto i membri del Comitato di sorveglianza del Programma ALCOTRA e i tecnici presenti alla sessione che ha avuto luogo al Palazzo Imperiale la mattina.

La referente del progetto ha minuziosamente presentato il progetto ma soprattutto il ciclo di bandi rivolti ai produttori emergenti francesi e italiani con i due tipi di profili previsti:

  • i produttori che hanno un progetto di lungometraggio (fiction, documentari, animazione) con un potenziale di coproduzione transfrontaliera.
  • i produttori senza progetto che desiderano sviluppare le loro competenze nel settore della coproduzione transfrontaliera.

Nel corso di 3 workshop, i professionisti italiani e francesi hanno l'opportunità di lavorare in gruppo. Sono guidati da tutor ed esperti internazionali che li accompagnano nello sviluppo del loro progetto di lungometraggio su tutti gli aspetti della creazione e della produzione. Particolare attenzione è rivolta al lavoro sulle diverse strategie e dinamiche di coproduzione tra Francia e Italia. Per questo vengono create 8 gruppi di lavoro (produttore e regista con progetto + coproduttore transfrontaliero senza progetto) che si confrontano attraverso una simulazione reale di coproduzione franco-italiana.

Il ciclo di formazione e sviluppo comprende 3 sessioni di workshop in aula, 3 sessioni intermedie online e una sessione finale di presentazione al Torino Film Industry grazie alla collaborazione della Film Commission Torino Piemonte.

Dopo questo momento di scambio che ha avuto luogo nel piccolo teatro da 288 posti, passando attraverso gli affascinanti retroscena dedicati al trucco, alle luci e alle scenografie, la visita è proseguita con un passaggio nella grande sala teatrale da 982 posti che si apre poi su ampi spazi di vetrati.

Un pomeriggio dunque sotto il segno della promozione del cinema francese e italiano: settima arte comune a Francia e Italia, due paesi che hanno notevolmente contribuito allo sviluppo del cinema. Si tratta anche una lunga storia di scambi, talenti e dialoghi franco-italiani: basandosi su questa relazione privilegiata, Bonlieu Scena Nazionale di Annecy e il Museo Nazionale del Cinema di Torino lavorano per mantenere e sviluppare i legami tra i nostri due cinema.

PER MAGGIORI INFO SUL PROGETTO