La Competenza di ALCOTRA a servizio della cooperazione transfrontaliera ungaro romena

pubblicato 09.06.2022

Véronique Veyrat, in qualità di esperta, è intervenuta per presentare la strategia dei PITER-PITEM

Oggi, 9 giugno 2022, ha luogo nella città di Oradea in Romania (nella frontiera ungherese) il seminario intitolato La pianificazione integrata transfrontaliera : l’utilizzo degli strumenti territoriali (partenariati ITI, CLLD, PITEM, PITER, TAPE, GECT) nella progettazione, nella gestione dei programmi e dei progetti transfrontalieri.

Questo seminario rientra nel contesto del  "Processo d'Oradea" che l’associazione IFECO (INIZIATIVE FRANCIA- EUROPA CENTRALE E ORIENTALE) ha creato con il CESCI (Servizio dell'Europa Centrale per le iniziative transfrontaliere, Ungheria) et la ZMO (Zona Metropolitana di Oradea) grazie all’appoggio della MOT (Missione Operativa Transfrontaliera) nel 2012, al fine di favorire la cooperazione transfrontaliera ungaro romena appoggiandosi sull’esperienza francese.

Il tema principale di questo seminario verte sul carattere indispensabile di una pianificazione integrata transfrontaliera. Oltre agli esperti francesi, si sono riuniti i rappresentanti dei decisori di Stato della Romania e dell’Ungheria, degli enti comunali e provinciali e i GECT (Associazioni Europee di cooperazione territoriale) nonché diversi responsabili delle Autorità di Gestione e dei Segretariati Congiunti. Questi si sono confrontati sulla pianificazione integrata transfrontaliera con l’intento di agire su scala territoriale.

A tale proposito, Véronique Veyrat (Autorità di Gestione del Programma ALCOTRA), invitata in veste di esperta, è intervenuta per presentare la strategia dei Piani Integrati transfrontalieri (PITEM - PITER) nella frontiera franco italiana e la volontà del programma ALCOTRA di perseguire questo approccio territoriale con la programmazione 2021-2027 attraverso l'OP5.

La valorizzazione di questo strumento, oltre che i suoi risultati, hanno come obiettivo quello di dimostrare l’importanza di una strategia integrata.

Sono state presentate esperienze molto interessanti in materia di nuova governance messe in atto su scala dal programma Interreg Slovacchia Ungheria oltre che tematiche transfrontaliere prioritarie come la prevenzione di rischi, d’interventi urgenti e i trasporti urbani transfrontalieri.

Un momento forte di cooperazione e di scambo che permette di costruire l'Europa della pace, l'Europa della solidarietà, l'Europa di domani.

Scarica qui il programma della giornata

SCAMBI TRA PROGRAMMI SULLE PROCEDURE DI TERRITORIALIZZAZIONE


Gyula OCSKAY, Segretario generale del CESCI (Servizio dell'Europa Centrale per le iniziative transfrontaliere), ha organizzato il giorno successivo un programma di lavoro tra Programmi transfrontalieri ed un incontro con i beneficiari dei progetti. Sono quindi proseguiti gli scambi e il lavoro tecnico tra il programma ALCOTRA e il programma transfrontaliero Slovacchia-Ungheria sugli approcci territoriali. Quest'ultimo programma, di un importo di FESR (Fondo di sviluppo regionale) di 189 milioni di euro per la programmazione 2014-2020, ha accompagnato diversi piani d'azione territoriali per l'occupazione su questa frontiera. Il GECT «ISTER GRANUM», uno dei primi GECT europei creato nel 2008, ha presentato al Programma ALCOTRA il suo approccio territoriale basato sul turismo e sulla valorizzazione dei prodotti locali. ALCOTRA ha potuto valorizzare le iniziative dei Piani integrati tematici e territoriali.

Legami da perseguire per capitalizzare su questi approcci territoriali transfrontalieri...

CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI SUL PROCESSO DI ORADEA E PER VISUALIZZARE LE DIVERSE PRESENTAZIONI E FOTO DEL SEMINARIO SULLA PIANIFICAZIONE