Torna alla lista dei progetti finanziati

Pa.C.E., Patrimonio, Cultura, Economia

Status
in corso
Tematica
Patrimonio naturale e culturale
Data di inizio attività
15/01/2019

Localizzazione
Alpi dell’Alta Provenza, Alpi Marittime, Cuneo, Alta Savoia, Imperia, Savoia, Torino, Valle d’Aosta

Sommario

Il Programma ALCOTRA 2014-2020 individua, fra le minacce, il rischio di perdita del patrimonio culturale, rischio più marcato per quello immateriale. Il patrimonio è minacciato anche dai cambiamenti climatici, causa di alterazione dei materiali, o anche dalla mancanza di conoscenza dei sistemi di recupero del costruito tradizionale, da parte delle popolazioni locali. Questo contesto aumenta il rischio di perdita del concetto di cultura quale elemento identitario di un territorio come quello transfrontaliero, che ha attraversato le diverse epoche storiche e che mostra evidenze di questa comunione culturale in tutta l’area. Il PITEM si propone di preservare l’area ALCOTRA attraverso le sue realtà culturali e la loro evoluzione congiunta nel tempo. Quattro progetti, basati su una divisione cronologica comune, identificano strategie di recupero e di scambio di buone pratiche: Raccontare, Salvaguardare, Promuovere e Condividere. Le azioni sono mirate alla conoscenza e salvaguardia del patrimonio, materiale e immateriale, per dare agli utenti e al pubblico strumenti utili a comprendere il valore culturale del territorio, in linea con le problematiche ambientali. I risultati dei progetti s’inseriscono in una prospettiva di sviluppo economico, di attrattività turistica e di dinamismo del territorio transfrontaliero.

Beneficiari


Capofila

Regione Autonoma Valle d’Aosta Assessorato del Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni Culturali, Dipartimento Soprintendenza per i Beni e le Attività Culturali –Struttura Analisi Scientifiche e Progetti Cofinanziati

Altri beneficiari

Regione Piemonte
Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”
Città Metropolitana di Torino
Regione Liguria – Settore cultura e Spettacolo
GIP FIPAN – Rectorat de Nice Pole RDI Recherche Développement Innovation
Département de la Haute-Savoie - Pôle Culture et Patrimoine
Département de la Savoie - Direction des archives, du patrimoine et des musées
Département des Alpes de Haute-Provence - Service du développement culturel
Musée de Préhistoire des gorges du Verdon
Ville de Nice - Direction des Bibliothèques

Cifre chiave:

 

Budget totale

Budget FESR

Contropartite

ITALIA

3 457 617,65

2 938 975

518 642,65

FRANCIA

3 276 500

2 785 025

491 475

TOTALE

6 734 117,65 €

 5 724 000

1 010 117,65

Attività, Impatti e Risultati:

Creazione di un’informazione diffusa e condivisa che diventi fonte di conoscenza del proprio territorio e delle stesse tematiche ivi ripartite, utilizzo e condivisione di esperienze già effettuate che hanno contribuito a creare le basi su cui costruire i progetti del PITEM. La realizzazione delle attività previste nei singoli progetti tematici possono far conoscere il territorio, dare le basi per modelli o modi di salvaguardia dei monumenti, promuovere la conoscenza degli stessi o inserire quanto noto nei circuiti turistici già esistenti o in altri progetti integrati. La possibilità di impiegare soluzioni innovative permette di adeguare le conoscenze agli attuali modelli di comunicazione. La creazione di una mappa storica che evidenzi il patrimonio culturale meno noto, i luoghi oggetto di precedenti progetti e i percorsi e circuiti storici, legati al patrimonio materiale e immateriale delle feste e delle tradizioni alimentari, costituisce uno strumento di riconoscimento e diffusione del patrimonio, messo a disposizione di tutti i partner.

Il Piano vuole essere un atout per le economie locali attraverso:

  • l'incremento della capacità di salvaguardia e di valorizzazione del proprio patrimonio culturale,
  • la valorizzazione di siti culturali meno noti,
  • l'appropriazione e consapevolezza del patrimonio culturale comune da parte dei giovani e del grande pubblico,
  • la messa in rete di siti del patrimonio diffuso, in modo particolare quelli meno noti,
  • il coinvolgimento attivo degli attori locali.