NAT+CULT, I PRIMI BUONI RISULTATI DEL PROGRAMMA EMERGONO

pubblicato 29.03.2019

Ottimo esempio di valorizzazione dei Giardini della Riviera franco-italiana

Il progetto NAT+CULT si è concluso l’anno scorso dopo 24 mesi ed ha sicuramente raggiunto i suoi obiettivi e realizzato le sue missioni: in effetti, si chiude con una realizzazione di circa il 95% delle attività previste. L’obiettivo globale del progetto, finanziato nell’ambito del primo bando del programma ALCOTRA, era di migliorare l'attrattività e l'ampliamento della fruizione turistico-culturale in modo sostenibile. I siti interessati sono tre giardini e quatro sentieri: Jardin Botanique Exotique Val Rahmeh, Jardin Botanique Villa Thuret, Sentier Botanique Sospel nelle Alpi Marittime e Giardini Botanici Hanbury, Anello Di Bossaré, Anello Del Colombin, attorno a Capo Mortola a Imperia.

Diversi percorsi di visita sono stati realizzati o adeguati alle esigenze delle persone a mobilità ridotta, ciò ha permesso di far aumentare il numero di turisti portatori di handicap del 20% nei siti interessati. Inoltre, alcuni lavori di restauro e recupero sono stati eseguiti ai fini educativi e di sicurezza, ed un master universitario sperimentale sulla tematica della sostenibilità ambientale è stato istituito. Una rete natura e cultura e diversi strumenti di comunicazione sono stati creati. In effetti, un gruppo di lavoro tra i partner dedicato a questo aspetto ha realizzato una serie di contenuti molto attraenti capaci di mostrare a tutti pubblici le ricadute di questo bel progetto:

Per maggiori informazioni sul progetto